Esaurito!

NI NO KUNI LA MINACCIA DELLA STREGA CINEREA Essential PS3 PAL ITA

NI NO KUNI LA MINACCIA DELLA STREGA CINEREA Essential PS3 PAL ITA

Ni no kuni: La minaccia della Strega Cinerea

(二ノ国 白き聖灰の女王 Ni no kuni: Shiroki seihai no jyoō?lett. “Seconda nazione: La regina della cenere bianca sacra”) è un videogioco di ruolo del 2010, sviluppato da Level-5 e Studio Ghibli e pubblicato da Namco Bandai per PlayStation 3 e Nintendo DS.

Il gioco è uscito per la prima volta in Giappone il 9 dicembre 2010 in esclusiva per Nintendo DS. Il 17 nov

embre 2011 ne è stata realizzata una versione per PlayStation 3 in terra nipponica[5], pubblicata Europa[6] e in Nord America nel gennaio del 2013.

La versione per PlayStation 3 non è soltanto un porting ma un’effettiva espansione del titolo per Nintendo DS, rispetto al quale presenta un ampliamento della trama e alcune migliorie nelle meccaniche di gioco e nella grafica.[7]

Il gioco è stato pubblicato anche per Nintendo Switch a settembre 2019, insieme a una versione rimasterizzata per Microsoft Windows e PlayStation 4.

9.90

Esaurito!

Esaurito!

SKU: 3391891965866 Categories: , Tags: , ,

NI NO KUNI LA MINACCIA DELLA STREGA CINEREA Essential PS3 PAL ITA

Ni no kuni: La minaccia della Strega Cinerea

(二ノ国 白き聖灰の女王 Ni no kuni: Shiroki seihai no jyoō?lett. “Seconda nazione: La regina della cenere bianca sacra”) è un videogioco di ruolo del 2010, sviluppato da Level-5 e Studio Ghibli e pubblicato da Namco Bandai per PlayStation 3 e Nintendo DS.

Il gioco è uscito per la prima volta in Giappone il 9 dicembre 2010 in esclusiva per Nintendo DS. Il 17 nov

embre 2011 ne è stata realizzata una versione per PlayStation 3 in terra nipponica[5], pubblicata Europa[6] e in Nord America nel gennaio del 2013.

La versione per PlayStation 3 non è soltanto un porting ma un’effettiva espansione del titolo per Nintendo DS, rispetto al quale presenta un ampliamento della trama e alcune migliorie nelle meccaniche di gioco e nella grafica.[7]

Il gioco è stato pubblicato anche per Nintendo Switch a settembre 2019, insieme a una versione rimasterizzata per Microsoft Windows e PlayStation 4.

Trama

Il protagonista di gioco è il tredicenne Oliver, che abita assieme alla madre nella città di Motorville. Una sera il giovane e il suo migliore amico Philip provano un’auto che avevano costruito; il mezzo ha, però, un malfunzionamento e Oliver precipita in un fiume. La madre lo porta in salvo, tuttavia subito dopo accusa un malore e qualche tempo dopo perde la vita.

Mentre è in lutto per la perdita, tre giorni dopo, abbracciando una bambola che la madre gli aveva regalato qualche tempo prima, con le sue lacrime quest’ultima si trasforma in Lucciconio (Drippy nella versione anglofona, Shizuku in quella nipponica). Questo si presenta come una fata maschio, proveniente da un mondo parallelo, nel quale era presente una creatura malvagia, Shadar il Genio Nero, che con la sua potente magia oscura terrorizzava quel mondo e, ben presto, avrebbe messo a rischio anche il suo.

In Ni no Kuni Ps3 Affermando che lui è il Puro di Cuore, destinato a salvare quel mondo, Lucciconio convince Oliver a seguirlo nel mondo parallelo per sconfiggere Shadar, offrendogli la possibilità di resuscitare la madre trovando la sua anima affine, ovvero una sua versione che abitava in quel mondo, che tra l’altro era la Grande Saggia Alicia che aveva affrontato Shadar, che però era stata sconfitta e intrappolata da quest’ultimo. Liberandola e ricostruendo il legame tra lei e la madre, Oliver avrebbe potuto quindi resuscitare quest’ultima.[8].

Sfruttando un libro magico, l’Abbecedabra (Wizard Companion in inglese), e una bacchetta magica ricavato da un rametto trovato per caso, Oliver dunque giunge nel mondo di Lucciconio, il quale gli spiega che Shadar semina il terrore tra gli abitanti rendendoli “cuorinfranti”, ovvero privandoli di un’emozione, e lui è l’unico che può fermare gli effetti del potere malvagio del Genio Nero; per farlo, attraversando il Boscoscuro, ottiene in esso da un grosso albero parlante, la Vecchia Quercia, il medaglione prendicuore e alcuni incantesimi.

In seguito Oliver, ha modo di sfruttare questi arrivando alla città di Gatmandù, restituendo l’entusiasmo dapprima ad una guardia e successivamente facendo altrettanto con il re Felix XIV, liberandolo dalla condizione di “cuorinfranto” che lo aveva reso pigro e privo di entusiasmo. Dopo aver salvato nuovamente il re felino dall’attacco del re dei topi, Oliver ottiene come ricompensa la sua bacchetta magica, e si dirige alla volta della città desertica di Muccakesh, alla ricerca del Grande Saggio Rakeem per imparare magie per sconfiggere Shadar continuando l’avventura di Ni no Kuni Ps3.

Non appena trovano l’uomo, tuttavia, questo si rifiuta di aiutarli poiché, per aver affrontato il Genio Nero, ne aveva pagato le conseguenze la figlia Ester, ridotta come un cuorinfranto. Per curarla, Oliver torna nel suo mondo alla ricerca della sua “anima affine”, che scopre essere una ragazzina chiamata Stella, che era solito vedere sempre affacciata alla finestra.

Interrogando la giovane sui motivi per cui non esce di casa, scoprono che il padre, l’anima affine del saggio Rakeem, non solo è un cuorinfranto, ma è impossessato da uno spirito maligno, chiamato Incubo. Sconfitto il mostro, sfruttando la gentilezza della moglie per riparare il cuore dell’uomo, Stella trova il coraggio di uscire di casa, curando così il cuore della sua “anima affine” Ester. Successivamente quest’ultima, per sdebitarsi, decide di unirsi a Oliver nel suo viaggio, affrontando assieme tra l’altro una prima volta Shadar che tenta di far eruttare il Monte Fornace e distruggere Muccakesh.

Dopo aver scongiurato l’eruzione il gruppo si dirige a Porto Goa, nel quale prendere una nave per dirigersi nella città di Piggsbruck nella regione di Autumnia, alla ricerca di un altro Grande Saggio per imparare nuove magie. Ottenuto un lasciapassare per usufruire della nave dalla Muccaliffa Lola, sovrana di Muccakesh, tuttavia un giovane ladruncolo, di nome Arsuino, lo sottrae loro e cerca di usarlo per sé; quando poi Oliver e gli altri si confrontano con lui, scoprono che è impossessato da un “Incubo”.

Dopo essersi sbarazzati dello spirito, Arsuino decide di unirsi a loro in viaggio verso Autumnia, e giunti a Piggsbruck, grazie ad uno stratagemma del giovane ladruncolo, il gruppo riesce ad infiltrarsi nel palazzo reale per incontrare Calidonio, un altro Grande Saggio che abitava lì, e che si scopre essere l’imperatore ed un “cuorinfranto”.

Poco dopo il gruppo si ritrova a tornare indietro nel tempo, ai tempi dell’Imperatore precedente, padre di Calidonio, che rivela loro che per tornare al loro tempo hanno bisogno dell’incantesimo “Cronoviaggio”, che è possibile da usare solo con lo scettro Tristella, situato nel Sentiero Funebre.

Oliver e gli altri, così, giungono nel luogo, accompagnati tra l’altro dal piccolo Calidonio ed il fratello maggiore Marcello, e successivamente in una tomba trovano lo scettro Tristella. Tornati al palazzo scoprono, tuttavia, che l’Imperatore è stato aggredito da Shadar ed, inoltre, emerge che Arsuino è in realtà suo figlio Marcello scappato quando Calidonio aveva acquisito i poteri da Saggio e, quindi, il diritto di essere successore al trono di Piggsbruck.

Tornati al loro tempo, curano il cuore del Calidonio adulto, che, dopo essersi ripreso, spiega ad Oliver che per sconfiggere Shadar avrebbero dovuto prima far sparire la “nebbiascura”, un potente miasma che circonda il suo palazzo capace di respingere ogni magia.

Per farlo avrebbero dovuto completare lo scettro Tristella, trovando le tre pietre magiche da incastonare in esso, per restituire ad esso la sua piena potenza. Dopo aver ritrovato la mappa che indica il luogo delle pietre, rubata da Kobrai, capo dei “Pirati del cielo”, Oliver e gli altri sconfiggono le tre Guardie e ricevono da esse le pietre.

In seguito in Ni no Kuni Ps3, poi, grazie all’aiuto della Grande Saggia Maya, scomparsa dopo la distruzione di Xanadu, la città di cui era regina, per mano di Shadar, che l’aveva anche resa un cuorinfranto, tornata in sé grazie ad Oliver, lo aiuta a completare e risvegliare il pieno potenziale dello scettro Tristella.

Dopo essere giunti nella Palude dei Miasmi, luogo dove risiede Shadar, Oliver e gli altri usano il leggendario Triflauto appartenuto al Re Mago, ricostruito con l’aiuto dei sovrani dei regni, e fanno scomparire il miasma, potendo avanzare alla volta del castello di Nonritorno.

Dopo aver affrontato e sconfitto il braccio destro di Shadar, Oliver raccoglie il cuore di tenebra, pronto a liberare l’anima di Alicia; tuttavia tramite alcune memorie nascoste all’interno dello stesso il giovane scopre che la Grande Saggia, è in realtà proprio sua madre, che dopo essere stata sconfitta da Shadar, con “Cronoviaggio”, era andata avanti nel tempo e giunta nell’altro mondo lo aveva dato alla luce, perdendo però la possibilità di avere un’anima affine in Ni no Kuni Ps3.

In seguito a questa rivelazione, Oliver viene sopraffato dalla disperazione di non poter salvare la madre, e cade in uno stato di sonno profondo. Alcuni giorni dopo, tuttavia, grazie anche all’intervento di Pea, una misteriosa bambina che aveva conosciuto ad inizio gioco e con la quale durante i suoi viaggi tra i due mondi aveva stretto sempre più amicizia, che gli ricorda di tutte le persone che aveva aiutato e a cui aveva riparato il cuore durante il suo viaggio, Oliver riesce finalmente a riprendersi.

Successivamente in Ni no Kuni Ps3 dunque Oliver giunge faccia a faccia con Shadar, che però gli rivela di essere la sua anima affine, e quindi non avrebbe potuto eliminarlo perché altrimenti anche lui avrebbe seguito lo stesso destino. Nonostante ciò il giovane si confronta con il Genio Nero, e dopo un lungo e duro scontro, alla fine riesce a sconfiggerlo, anche se a causa di ciò anch’egli scompare nel nulla. Poco dopo Oliver viene attraversato dalle vecchie memorie di Shadar, scoprendo che un tempo si chiamava Leroy ed era stato un giovane soldato della città di Hostilya che, praticando la magia, voleva portare la pace e alla fine di tutte le guerre.

Quando, però, il suo esercito attacca e rade al suolo la città di Rubicon, perché sede di uno dei Grandi Saggi, il giovane aveva tentato di opporsi all’invasione e aveva porta in salvo una bambina, permettendole di scappare via. Tale bambina si era poi rivelata la figlia del Grande Saggio, e per averle permesso di scappare viene arrestato e cacciato via dall’esercito.

A causa di ciò, devastato per l’invasione a cui aveva fatto parte e sentendosi in colpa per non essere riuscito a portare in salvo nessun innocente, si era fatto sopraffare dalla disperazione e aveva risvegliato il suo pieno potenziale magico, tramutandosi però in magia nera e diventando l’Esecutore che avrebbe portato alla fine del mondo. Terminate le memorie, Oliver si ritrova in un posto misterioso con Shadar, che ammette la sua sconfitta, e decide di portarlo in salvo recidendo il legame tra le loro due anime, in modo che il giovane non avrebbe seguito il suo stesso destino.

Prima di sparire, Shadar ha un’ultima conversazione con Alicia che, mostrandogli il ciondolo che quello le aveva dato, rivela di essere la bambina che aveva portato in salvo anni prima, e gli dice che pur avendo distrutto precedentemente il suo mondo, aveva lo stesso portato ad un’epoca pacifica e dove non vi erano più guerre.

In seguito Oliver si ricongiunge con i suoi amici e vede l’oscuro castello di Nonritorno rifiorire e risplendere, e viene poi raggiunto dallo spirito della madre che si congratula con lui per aver salvato il mondo, e gli cede il ciondolo. In seguito Oliver e gli altri si dirigono a Gatmandù per partecipare alla festa in suo onore per aver salvato il mondo dalla minaccia di Shadar, e qui il giovane esprime a Lucciconio e gli altri compagni l’intenzione di voler tornare a Motorville, promettendo però di ritornare a far visita loro. Durante le celebrazioni, tuttavia, la Strega Cinerea, un’entità dotata di poteri magici ancor più potenti di Shadar, fa scendere dal cielo grigio la sua cenere sacra, che trasforma il Re Felix e tutti gli altri abitanti in delle bestie mostruose e aggressive. Oliver e gli altri vengono portati in salvo da Calidonio, che li porta sulla Viverna d’acciaio, la nave volante di Kobrai, e rivela che quasi tutto il mondo con la discesa della cenere era diventato pieno di bestie mostruose. Oliver decide, allora, di tornare a Motorville per parlare con Pea, che in precedenza aveva mostrato di essere a conoscenza di alcune cose riguardo alla cenere. Dopo aver convinto la bambina a seguirlo nell’altro mondo, qui scoprono che quella non solo è dotata di poteri magici, ma che conosce una potente magia, che avrebbe permesso di distruggere cristalli neri creati dalla cenere, fonte della magia che aveva trasformato la gente nelle bestie mostruose. Così Oliver e gli altri si dirigono nei vari regni per affrontare e salvare i vari sovrani e gli altri abitanti ridotti in mostri con l’aiuto della magia di Pea, e distruggendo i cristalli trovano alcuni fiori magici, attraverso i quali, toccandoli, scoprono man mano tutta la verità sulle origini di Pea. La bambina, in realtà, era vissuta migliaia di anni prima come Cassiopea, giovane principessa dell’antica città di Nazcaa che aveva ereditato il trono in seguito alla morte del padre, il Re Mago. Nel corso degli anni quella aveva regnato con l’aiuto dell’Assise dei Dodici, un gruppo di funzionari malvagi che avevano governato il regno riducendo gli abitanti sempre più in povertà, per poi far ricadere tutte le colpe sulla giovane regina. Un giorno Cassiopea, venuta a conoscenza di ciò, usò la cenere sacra, convinta che avrebbe eliminato le sofferenze e i problemi degli abitanti di Nazcaa, e avrebbe portato la pace. Gli effetti della cenere, tuttavia, furono nefasti e nel corso degli anni gli abitanti, tramutati in mostri cominciarono ad attaccarsi e massacrarsi a vicenda, finché Cassiopea non rimase l’unica sopravvissuta, rinchiusa nel suo palazzo. Qui all’interno di alcuni fiori aveva riposto le memorie di tutto quello che le era successo, sperando che un giorno qualcuno rompesse la sua solitudine. Secoli dopo, però, un giorno la sua parte più innocente si separò da lei, diventando Pea, mentre Cassiopea, impossessata dalla disperazione per la sua lunga solitudine, si tramutò nella Strega Cinerea e raggruppandosi con l’Assise dei Dodici, divenuta quella dei Zodiarchi, decise che avrebbe portato alla fine del mondo, sfruttando nuovamente il potere della cenere sacra.

Dopo aver scoperto tutto ciò Oliver e gli altri giungono nelle rovine di Nazcaa, e qui dopo aver riposto i fiori in alcuni vasi, da dietro alcune nuvole compare un enorme castello fluttuante, dove risiede la Strega.

Così mentre gli eserciti dei vari regni tentano un attacco esterno contro il castello, Oliver e il suo gruppo si infiltrano all’interno dello stesso. Dopo aver avanzato per i corridoi, Oliver giunge alla fine nella sala dove la Strega e i Zodiarchi, riuniti in cerchio, lo attendono e lo invitano a cercare di convincerli a fermare le loro intenzioni di portare alla fine del mondo. Il ragazzo, tuttavia, svela che quello era un’illusione della Strega, che in realtà era sempre stata sola, quindi i Zodiarchi non esistevano, ma erano solo frutto della sua potente magia.

Così Oliver e gli altri avanzano nella sala del trono, ove siede solitaria la Strega, con la quale sono costretti poco dopo a confrontarsi. Dopo averla finalmente sconfitta, Oliver la spinge ad abbandonare la disperazione nel suo cuore, e dare un’altra chance al mondo, affermando che non può scegliere egoisticamente di distruggerlo, ma che deve cercare di migliorarne le imperfezioni col tempo, per quanto difficile e doloroso sia, e prendere la vita così com’è.

Così dunque Pea dà un ultimo saluto ad Oliver, ringraziandolo per ciò che ha fatto, e infine si riunisce a quest’ultima, tornando alle sue originali fattezze di Cassiopea.

Subito dopo, tuttavia, vengono aggrediti da una mostruosa entità che si rivela essere gli Zodiarchi che erano sfuggiti al potere magico della Strega ed erano diventati indipendenti e cercano di distruggerli; alla fine Oliver e gli altri, anche grazie all’aiuto di Cassiopea, riescono a eliminare definitivamente i Zodiarchi.

In seguito, quindi, Cassiopea ringrazia Oliver e gli altri per averla aiutata a ritrovare la voglia di vivere, e la speranza nel cuore, e promette di fare ammenda delle crudeltà compiute, facendo scomparire la cenere sacra, e riempiendo il suo castello di fiori così da ridare la felicità e il sorriso a tutti.

Alla fine, poi, Oliver può ritornare nel suo mondo, e dopo aver sorvolato tutta Motorville su una scopa, arriva finalmente a casa sua, pronto a vivere la sua vita facendo tesoro di tutte le esperienze nell’altro mondo.

Genere Videogioco di ruolo
Origine Giappone
Sviluppo Level-5Studio Ghibli
Pubblicazione Namco Bandai
Musiche Joe Hisaishi
Modalità di gioco Giocatore singolo
Periferiche di input DualShock 3
Sixaxis
Supporto Blu-ray Disc (PS3)
Distribuzione digitale PlayStation NetworkSteam
Fascia di età CEROA · ESRBE10+ · PEGI: 12 · USK: 12
Serie Ni no kuni
Seguito da Ni no kuni II: Il destino di un regno
Weight 0.112 kg
Dimensions 17 × 13.5 × 1.5 cm

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “NI NO KUNI LA MINACCIA DELLA STREGA CINEREA Essential PS3 PAL ITA”

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ha qualche domanda? Contattateci
Select your currency
$